Si ringrazia per avere reso possibile la realizzazione grafica e l'elaborazione del materiale divulgativo di questo sito:
ElencoPuntato SELZ Foundation New York



5 agosto 2012

Il Mosaico con riscatto del corpo di Ettore presso la Villa del Tellaro

Una parte della figurazione è andata perduta, ma si possono ancora osservare i tre eroi greci Ulisse, Achille e Diomede, identificati grazie alle iscrizioni in greco che li accompagnano, davanti ai quali si dispone una bilancia: sul piatto di sinistra viene posto l’oro, mentre su quello di destra si colloca il corpo esanime di Ettore, del quale si scorgono solo le gambe unite in un rigor mortis. Nella parte lacunosa della composizione dovevano disporsi i troiani, guidati dal re Priamo, giunto da Achille per riscattare il corpo del figlio e poter compiere gli onori funebri, senza i quali l’anima di Ettore non avrebbe trovato pace. Tale composizione risulta un’iconografia unica, poiché differisce dal testo omerico, che non prevede la pesatura su una bilancia o la presenza di Ulisse e Diomede, e potrebbe invece ispirarsi ad una tragedia perduta di Eschilo.
Questo mosaico si pone in stretto dialogo con la scena di Ulisse nell’antro di Polifemo di Piazza Armerina (amb. 37). In entrambi i casi è stato scelto un episodio della tradizione omerica portatore di significati edificanti, capaci di celebrare la statura culturale e morale del proprietario della residenza.

       

A5a 

Tellaro. Tratti superstiti del mosaico con riscatto del corpo di Ettore (tratto da wikimedia.org).

 

 A5b

 

Villa del Casale. Particolare del mosaico con Ulisse nell’antro di Polifemo (DL-VdC Reg. Sic. BB. CC. IS).