Si ringrazia per avere reso possibile la realizzazione grafica e l'elaborazione del materiale divulgativo di questo sito:
ElencoPuntato SELZ Foundation New York



5 agosto 2012

Cesare Brandi

(Siena 1906 – Vignano 1988)

 

Si tratta di uno dei principali critici d’arte italiani della seconda metà del ‘900. La sua opera è molto vasta e spazia dallo studio della pittura del Trecento e del Quattrocento, alla pubblicazione di saggi artistico-filosofici, dall’insegnamento universitario, all’attività giornalistica. Fondamentale fu il suo coinvolgimento nella creazione dell’ICR, l’ Istituto superiore per la conservazione ed il restauro, che ha diretto dal 1939 fino al 1961.

 

La sua opera “Teoria del restauro” del 1977 resta un punto di partenza imprescindibile per ogni discussione sulla conservazione del patrimonio artistico. In essa sono ancora fondanti le sue osservazioni sulla natura dell’opera d’arte e le definizioni di restauro: “il restauro costituisce il momento metodologico del riconoscimento dell’opera d’arte, nella sua consistenza fisica e nella sua duplice polarità estetica e storica, in vista della trasmissione al futuro” ed esso “deve mirare al ristabilimento della unità potenziale dell’opera d’arte.”

 

Sempre in questo scritto è da sottolineare l’introduzione del concetto di sito storico: esso, per Brandi, non deve essere identificato solo con il monumento artistico, ma anche con il suo contesto naturale. Per questo, anche nel restauro della Villa del Casale, è stato fondamentale il momento dello studio del territorio, per affrontarne le problematiche e potere intervenire efficacemente per la salvaguardia del monumento.

 

Nel volume Sicilia mia del 1989 Brandi affrontò il problema della conservazione dei mosaici della nostra Villa, individuando l’esigenza di proteggerli, ma respingendo fermamente l’ipotesi di trasportarli in un museo: esso sarebbe di “una monotonia e squallore sconfortante”, mentre le rovine architettoniche sarebbero destinate all’abbandono. La soluzione fu la progettazione di coperture protettive e capaci di accogliere il passaggio dei visitatori, ma, allo stesso tempo, di poter continuare a rendere percepibile la disposizione planimetrica della villa.

 Cesare Brandi

Cesare Brandi (fonte cesarebrandi.org)