Si ringrazia per avere reso possibile la realizzazione grafica e l'elaborazione del materiale divulgativo di questo sito:
ElencoPuntato SELZ Foundation New York



6 agosto 2012

Ceramica Invetriata

È un tipo di ceramica caratterizzato dall’invetriatura, ossia da un rivestimento la cui componente principale è la silice, che durante la cottura diventa una superficie compatta vetrosa che impermeabilizza il manufatto. L’aspetto particolarmente lucido della superficie conferisce preziosità anche ad oggetti di uso comune.

Si possono distinguere varie tipologie di ceramiche invetriate a seconda della composizione della miscela che crea l’invetriatura. I due gruppi principali sono costituiti da quelle piombifere e da quelle stannifere, ossia con una forte componente di stagno. Quest’ultimo tipo è talvolta definito proto-maiolica, dal momento che da esso nasce la produzione della vera e propria maiolica.

Nella Villa del Casale si sono trovati esempi di vasellame a invetriatura stannifera con decorazione floreale, databili al XVI secolo e avvicinabili alla famosa produzione di ceramiche di Caltagirone.

 Frammento di ciotola decorata in blu e giallo, ritrovata nell’area a Ovest dell’ingresso principale (da Pensabene Sfameni 2006, p. 212, scheda 93 a cura di S. Fiorilla

Frammento di ciotola decorata in blu e giallo, ritrovata nell’area a Ovest dell’ingresso principale (da Pensabene Sfameni 2006, p. 212, scheda 93 a cura di S. Fiorilla).